Un 2014 di revisioni per la Svizzera

Lo scorso 3 dicembre 2013 si è attuato a Berna l’aggiornamento annuale del diritto di esecuzione delle derrate alimentari, dove il Dipartimento dell’interno e l’Ufficio federale della sanità pubblica hanno rivisto le ordinanze riguardanti le derrate alimentari.

Così a partire dal 1 gennaio 2014 entrerà in vigore il novo pacchetto di revisioni che comprende una serie di ordinanze con adeguamenti tecnici e novità dirette ad una migliore informazione per i consumatori e alla protezione della loro salute. Per alcune ordinanze è stata necessaria l’armonizzazione con il diritto internazionale allo scopo di non complicare il commercio internazionale.

Tra le disposizioni, è interessante soffermarsi su quella relativa all’analisi dell’acqua potabile, infatti la Svizzera ha deciso di introdurre come valore massimo dell’uranio nell’acqua potale 30µg/l, mentre il valore dell’arsenico nell’acqua potabile è stato diminuito al 10µg/l. Una voce importante riguarda i “valori di tolleranza per le sostanze estranee finora non espressamente disciplinate per l’acqua potabile”.

Questa voce nasce dal presupposto che i sistemi di analisi delle acque sono sempre più sofisticati e sono in grado di rilevare delle sostanze nocive non inserite nella lista delle sostanze a rischio nell’ordinanza. Per questo è stato inserito una voce riguardante le sostanze generiche, così da poter intervenire rapidamente e in modo efficace.

Gli altri punti dell’ordinanza riguardano diversi argomenti come le informazioni sugli imballaggi, l’indicazione delle caratteristiche di valore nutrizionale, l’indicazione di ingredienti allergeni, l’indicazione dell’origine di oli e grassi ed infine le norme igieniche per la lavorazione della carne di pollame.

Altre Notizie